CONTROPIEDE E ASSIST: IL GEAS GALOPPA A CARUGATE

Le rossonere restano imbattute nel loro primo derby lombardo stagionale. Ottima prova corale in attacco: tanti punti, soprattutto in velocità. Ottime Barberis ed Ercoli.

CARUGATE, 14 ottobre 2017

Nel suo primo derby lombardo della stagione, un convincente Geas guadagna due punti non scontati al PalaSport di Carugate. Le rossonere animano una festa di contropiede e di assist. Il gioco in velocità è pienamente recuperato. Le più efficaci sono Barberis ed Ercoli, rispettivamente 22 e 19 punti, accompagnate dai 12 di Schieppati (anche 7 rimbalzi per lei) e dagli 11 di Galbiati, ancora in miglioramento dopo il lungo stop per infortunio in precampionato. Si fa notare anche Camilla Mariani, una “ragazza del ‘99” che mette i primi punti in A2 della carriera, con un 2/2 da tre dal notevole peso specifico. Con queste premesse, il Geas conserva imbattibilità e un primato in classifica che, in stagione regolare, dura ormai da 29 giornate, considerano le 26 della stagione scorsa.

Offensivamente parlando, una gara ineccepibile: 85 punti, dei quali più della metà derivati dai fulminei contropiedi e transizioni veloci, marchio di fabbrica di Sesto. La fluidità nei giochi d’attacco, già vista contro Udine, anche questa sera è la chiave della partita. Tra le mani delle sestesi la palla gira senza intoppi (20 assist di squadra “ufficiali”, 5 della capitana Arturi, ma ne mancano diversi all’appello), fino a creare delle transizioni magistrali come quella da salto sulla sedia a 5’ dal termine che dai polpastrelli di Arturi, passando da quelli di Galbiati e Schieppati, concede a Barberis il canestro con fallo. In difesa qualche problema in più. Carugate, certamente più pericolosa e intraprendente in attacco rispetto alla stagione scorsa, riesce a rientrare in partita dopo uno svantaggio di 20 punti tra la fine del terzo e l’inizio del quarto quarto fino ad arrivare sul -7, complici le disattenzioni difensive delle rossonere, poi ripresesi totalmente, richiamando il quintetto forte in campo, per il +22 finale (85-63).

Per il Centro Carosello Carugate, rinfrescato dai tanti nuovi arrivi – coach Piccinelli, Gombac, Zelnyte, Zolfanelli – si tratta della seconda sconfitta su tre partite. Trascinatrice l’ala Giulia Gombac (triestina, ex Civitanova), neo capitana della squadra, con 18 punti, 4 rimbalzi, 3 assist e 23 di valutazione.

A questo link il tabellino completo della partita: STATISTICHE INCONTRO

COACH ZANOTTI – “Gli 85 punti di stasera sono significativi per quanto riguarda fluidità e determinazione offensiva. Abbiamo fatto girare velocemente la palla e concretizzato tanti contropiedi. Dobbiamo però concentrarci maggiormente sulla tenuta della nostra difesa perché è da lì che parte il tutto. Abbiamo sofferto pericolosamente i nostri black-out difensivi che hanno riaperto la gara. Bisogna fare in modo di mantenere la concentrazione alta in qualsiasi momento della partita. Nota positiva la prestazione di Ercoli. Nonostante l’influenza che l’ha colpita in settimana, questa sera è tornata a giocare al livello che le compete. Deve capire che usando nella maniera giusta il suo fisico è una giocatrice determinante”.

COACH PICCINELLI – “Siamo giovani e non possiamo permetterci di dare ad una squadra come il Geas la possibilità di farci pesare ogni nostra distrazione, soprattutto permettendo loro di fare così tanti contropiedi. Le avversarie sono state più decise e smaliziate, pronte a punirci sul piano dell’esperienza”

CRONACA – Al nuovo PalaSport di Carugate è Barberis ad incidere immediatamente sulla partita. Suoi i 4 punti di fila nel giro di 30’’ che spiazzano le avversarie. Ma le ragazze di coach Piccinelli ingranano fino ad arrivare con la solita Gombac al distacco minimo di 1 punto. Sul finire del periodo sono Panzera e Gambarini a riallungare (21-16 alla prima sirena).

Nel secondo tempino le ragazze di Zanotti tentano l’allungo. In tre minuti la giovane Decortes manda in onda due canestri e una stoppata (a cui ne aggiungerà un’altra a fine partita). A 7’ 30’’ il tabellone segna +10 Geas, grazie anche ad un perentorio uno contro uno di Panzera e ai classici lanci a tutto campo di capitan Arturi che trovano sempre un destinatario in facile via verso il canestro. La prima metà di gara si chiude con un prepotente gioco da tre punti realizzato da Ercoli proprio sullo scadere del tempo.\

Al rientro in campo, nuova decisa spallata del Geas alla partita: in un amen si va sul +20. Inarrestabile sotto il tabellone Elisa Ercoli, che qui realizza 8 dei suoi 19 punti totali, facendosi applaudire anche con due rimbalzi offensivi e due palle recuperate. Le rossonere segnano in ogni modo e da ogni posizione, muovendo rapidamente la palla e la difesa avversaria: continuano ad aumentare sul tabellino delle statistiche gli assist di squadra. Ma al conseguente rilassamento delle rossonere corrisponde un ritorno d’orgoglio di Carugate, che si riprende, fino al -13 (64-51).

La scia positiva seguita dalle giocatrici di casa non sembra arrestarsi. Le sestesi subiscono un parziale di 6-0 che riduce il vantaggio a soli 7 punti. E’ l’ultimo sussulto della partita: il Geas rinsavisce e ribalta l’andamento del periodo: 8-0 in meno di 2’. Una super Barberis con 8 dei suoi 22 punti totali e la vivace Mariani da dietro l’arco (2/2) portano al massimo vantaggio proprio sulla sirena finale.

Fabiano Scarani – Ufficio stampa GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi