Allianz Geas, domenica (ore 18) al PalaNat in scena il derby lombardo contro Broni

Le sestesi, none in classifica, ospitano le pavesi, quarte, reduci dalla vittoria contro l’allora imbattuta Venezia. Zanotti: “In palio 2 punti per noi utili. Necessario trovare energia e aumentare l’attenzione difensiva”.

 

SESTO SAN GIOVANNI, 11 gennaio 2019

Nella seconda giornata del girone di ritorno andrà in onda il ritorno del derby lombardo di serie A1 Allianz Geas – Elcos Broni, domenica alle ore 18 al PalaNat. Sesto è attualmente nona in classifica con 8 punti, mentre le pavesi occupano la quarta posizione con 16 punti. Le rossonere provengono da una sconfitta casalinga contro le forti e fisiche siciliane di Ragusa (57-72), mentre le bronesi hanno infranto il record sociale di 11 vittorie consecutive della capolista Reyer Venezia. Contro le lagunari, per Broni ha disputato una super partita l’ala statunitense Julie Wojta, che ha chiuso con 35 punti, 6 rimbalzi, 3 assist, 3 recuperate e 42 di valutazione; bene anche la pivot serba Nikolina Milic e la lunga croata Nina Premasunac (rispettivamente 14 punti, 7 rimbalzi, 2 assist e 10 punti, 10 rimbalzi, 4 assist, 17 di valutazione).

 

Al Palaverde di Broni nella movimentata gara di andata, le padrone di casa avevano avuto la meglio per 64-57. Le migliori per Sesto erano state Kalis Loyd (21 punti, 10 rimbalzi, 2 assist, 2 recuperate), la “ex” Virginia Galbiati (7 punti e 4 assist) e Giuditta Nicolodi (8 punti e 6 rimbalzi), mentre tra le ragazze di coach Alessandro Fontana avevano brillato Wojta (16 punti, 9 rimbalzi, 6 assist, 2 rubate, 27 di valutazione), Giulia Moroni (11 punti, 5 rimbalzi, 2 assist) e Valentina Gatti (6 punti, 10 rimbalzi, 17 di valutazione).

 

L’Allianz Geas sta segnando in media 64,3 punti, col 43% da due, 28% da tre (ultima della Lega assieme a San Martino, Lucca e Ragusa), 69% ai liberi (penultima proprio con Broni davanti a Lucca), con 29,9 rimbalzi (penultima davanti a Battipaglia) e 14,8 assist. Broni sta mettendo a referto 71,3 punti (47% da due, 33% dall’arco, seconda nella voce assieme a Torino dietro alla sola Schio, e 69% a gioco fermo), 32,6 rimbalzi e 16,5 assist.

 

Per quanto riguarda il pacchetto straniere, Wojta sta macinando 16,6 punti (53% da due, 48% dai 6,75, 76% dalla lunetta), 6,1 rimbalzi, 4,6 assist e 21,2 di valutazione; Milic 16,1 punti (49% da due, 69% ai liberi), 8,4 rimbalzi, 1,7 assist e 19,5 di valutazione; Premasunac 7,5 punti (43% da due, 35% da tre, 57% a gioco fermo), 7 rimbalzi, 2,6 assist e 11,9 di valutazione. Tra le italiane, la guardia Laura Spreafico produce in media 9,8 punti (27% da due, 31% dai 6,75, 69% ai liberi) e 1,6 assist; la play Valentina Bonasia 8,2 punti (55% da due, 29% da tre, 80% dalla lunetta), 2,8 rimbalzi, 2,2 assist; l’esterna Anna Togliani 5,7 punti, 1,1 rimbalzi, 1,9 assist; la playmaker Giulia Moroni 5,6 punti, 2 rimbalzi, 3 assist; la pivot Valentina Gatti 2,4 punti e 2,7 rimbalzi. Completano il gruppo la capitana Enrica Pavia e le giovani Elena Castello (nata nel 1998), Gloria Strozzi (’99) e Greta Miccoli (classe 2000).

Durante la pausa natalizia si è aggiunta al gruppo di bronesi la lunga di 180 cm classe ’99 Giovanna Elena Smorto, che, dopo gli anni delle giovanili alla Reyer, ha giocato per tre anni nel girone Nord di A2 con Pordenone (squadra di sviluppo associata a Venezia); quest’anno ha disputato il girone di andata del girone Sud di A2 con la allora imbattuta capolista Magnolia Campobasso.

 

COACH ZANOTTI – “Domenica dovremo cercare di vincere, in modo tale da rimanere lontane dalle ultime due posizioni in classifica: sono in palio 2 punti utili in ottica salvezza. Probabilmente Sophie (Brunner, ndr) sarà ancora indisponibile: ancora di più, dunque, dobbiamo trovare energie. Da ora ci aspetta una serie di partite in cui dovremo fare di tutto per vincere. L’infortunio di Brunner ovviamente ci penalizza, ma è necessario che tutte le ragazze trovino forza. Broni è una squadra ben collaudata, aggressiva, capace di far valere il fisico sul versante difensivo. Lavorano bene sia con la palla sia senza: rispetto alla partita con Ragusa dovremo aumentare il livello di attenzione in difesa”.

 

GIUDITTA NICOLODI – “Sarà una partita molto difficile, ma altrettanto importante. Broni è una squadra che sta lavorando molto bene e sta portando a casa risultati significativi: il loro è un periodo assolutamente positivo. Dalla fine della pausa natalizia ci stiamo allenando con maggiore intensità e concentrazione, cercando di limitare gli errori e di ottenere risultati migliori. Contro Broni dovremo entrare in campo determinate fin dall’inizio e cercare di mantenere alta l’attenzione per tutti i 40’”.

 

“Sarà uno scontro molto intenso – dichiara Nazareno Lombardi, assistente di coach Zanotti sulla panchina sestese –, sia perché è un derby sia poiché Broni arriva dalla vittoria contro l’allora imbattuta Venezia. Inoltre, nell’ultima gara del girone d’andata hanno disputato una bella partita a Napoli, anche se non coronata dal successo. Wojta sta vivendo un periodo super e sta sbagliando pochissimo, specialmente in fase realizzativa; è poi ben spalleggiata da Bonasia. Non va assolutamente perso di vista il trio di lunghe composto da Milic, molto efficace dentro l’area, dalla duttile Premasunac e da Gatti. Spreafico è capace di garantire intensità e di fare canestro dalla distanza. È una squadra molto completa: dovremo fare una gara di intensità, ma anche di qualità”.

 

Fabiano Scarani – Ufficio stampa ALLIANZ GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi