Allianz Geas, domenica al PalaNat contro San Martino per tentare il raddoppio

Sesto ospiterà le venete, prive di Caterina Dotto per il recente infortunio. Zanotti: “Le siamo vicine: avrei preferito vederla in campo. San Martino è molto ostica: dobbiamo provare a recuperare i due punti persi in casa”.

 

SESTO SAN GIOVANNI, 2 novembre 2018

Dopo la prima vittoria in campionato nella trasferta a Empoli (75-60), l’Allianz Geas ospita la Fila San Martino di Lupari al PalaNat, domenica alle 18. Sesto è ora nel gruppone di quattro squadre, fra l’ottavo e l’undicesimo posto in classifica, a pari punti con Battipaglia, Vigarano e Torino. Le rossonere hanno la settima miglior difesa del campionato, con 285 punti subìti in quattro uscite, e stanno segnando 64 punti di media, col 42% da due e il 30% da tre, e raccogliendo 29,5 rimbalzi.

 

Le venete allenate da coach Gianluca Abignente sono quarte in classifica, con tre vittorie consecutive (contro Lucca, contro Empoli e contro Battipaglia) e una sconfitta (nella prima giornata contro Napoli) e segnano in media 77,2 punti, col 48% da due e il 32% dall’arco, oltre a prendere 37,4 rimbalzi, un aspetto cui le rossonere dovranno dedicare attenzione. San Martino ha attualmente il terzo miglior attacco (309 punti fatti) e la terza difesa (257 concessi) del campionato. Nei minuti finali dell’ultima gara a Battipaglia, la play azzurra del 1993 Caterina Dotto ha accusato un infortunio al ginocchio: la risonanza magnetica e gli accertamenti hanno poi individuato la rottura al terzo medio del legamento crociato anteriore. L’esterna giallonera, ex Reyer, stava macinando 14,8 punti, 3,3 rimbalzi, 5,5 assist e 2,2 rubate (contro Lucca 23 punti, 7 assist, 2 rimbalzi, 2 recuperate e 27 di valutazione). L’ala piccola Usa di 175 cm del 1990 Adrienne Nicole Webb (Ncaa a Louisiana State University, prima dell’esperienza al Telge in Svezia, 17 punti di media, e in Romania all’Alexandria, all’Alba Iulia, all’Olimpia Brasov e poi allo Sfantu Gheorghe, con cui ha vinto il campionato romeno con 12 punti e 5 rimbalzi di media) sta correndo a 15,2 punti, 4,4 rimbalzi e 2 assist. Anche l’altra statunitense, la guardia-ala di 175 cm classe ’92 Tyaunna Dominique Marshall, dopo l’esperienza del college a Georgia Tech (miglior marcatrice della storia dell’ateneo, con 20 punti di media nell’anno da senior), la quattordicesima chiamata assoluta al Draft Wnba da parte delle New York Liberty e la buona stagione passata a Vigarano, ha giocato nello Sfantu Gheorghe in Romania, vincendo per tre anni consecutivi il titolo nazionale (due anni fa 18,5 punti e 6,6 rimbalzi, lo scorso anno 15,8 punti, 6 rimbalzi e 4,3 assist). Con le venete Marshall sta facendo registrare 17 punti, 6,3 rimbalzi, 3 assist, 2,8 steals e 17,5 di valutazione. La terza straniera è la pivot lettone di 196 cm nata nel 1991 Zenta Melnika, che dopo l’infortunio occorso al ritiro della Lettonia, è tornata in campo per le ultime due partite, producendo 8 punti e 5 rimbalzi contro Empoli e 6 punti, 6 rimbalzi e 3 stoppate a Battipaglia. La lunga azzurra di 192 cm del ’97 Jasmine Keys, premiata come Mvp giovane dello scorso campionato di A1, sta correndo a 12,2 punti, 9,3 rimbalzi, 2,8 assist e 16,5 di valutazione. Un’altra novità dell’estate, al Geas nella stagione di A2 2014-15, è l’ala di 180 cm del 1991 Federica Tognalini, che proviene da due anni passati a Lucca e che nella prima giornata contro Napoli ha segnato 7 punti, conditi da 11 rimbalzi, 3 assist e 16 di valutazione. L’ultimo innesto estivo è l’ala di 187 cm classe ’88 Martina Sandri, già a San Martino prima dell’esperienza quadriennale alla Reyer Venezia. Completano il gruppo le italiane Elena Fietta, guardia-ala del 1995, l’esterna del 1988 Monica Tonello (5 punti di media, con 1,2 rimbalzi), la guardia-ala del 1999 Francesca Beraldo, l’ala classe 2000 Anna Profaiser, la guardia-ala del ’99 Alice Milani e le due ali nate nel 2001 Martina Rosignoli e Chiara Meroi.

 

COACH ZANOTTI – “San Martino è da sempre una squadra molto difficile da affrontare: nonostante negli anni le giocatrici siano spesso cambiate, il modo di allenare di coach Abignente ha reso tutte le configurazioni molto ostiche e determinate. Dovremo mettere molta aggressività sulla partita, come abbiamo fatto ad Empoli. Il loro maggior terminale offensivo è costituito dalle due statunitensi Webb, abile al tiro, e Marshall, maggiormente predisposta al gioco fisico e all’attacco dell’area. Keys è una giocatrice molto pericolosa, dal ruolo un po’ atipico, che sa usare bene il fisico e con tiro da fuori. Il centro Melnika è imponente, con buoni movimenti e buone mani. Avrei sicuramente preferito veder giocare contro di noi Caterina Dotto, giocatrice fantastica sia in club sia in nazionale: i nostri auguri sono tutti per lei. Per quanto ci riguarda, dobbiamo cercare di recuperare i due punti lasciati in casa con Vigarano e fare una bella partita davanti al nostro pubblico”.

 

GIULIA ARTURI – “Dobbiamo assolutamente continuare sulla strada di Empoli, dopo le prime tre partite in cui non abbiamo dato quel che dovevamo, in termini di aggressività, atteggiamento e difesa. Ora dobbiamo tentare di non tornare indietro e di tenere. San Martino è una squadra solidissima con cui non ci si può permettere alcuna distrazione. Bisognerà essere concentrate al massimo per tutta la gara ed essere dure fisicamente e di testa per non subire la loro aggressività”.

 

“Innanzitutto, tutti noi desideriamo dimostrare la vicinanza in questo momento difficile a Dotto – dichiara Nazareno Lombardi, assistente di coach Zanotti sulla panchina sestese –: stava facendo una grande stagione e si stava dimostrando un perno fondamentale per la sua squadra. San Martino è un gruppo di livello. I due innesti americani sono molto pericolosi: Webb è una realizzatrice soprattutto dalla lunga distanza, tiratrice di striscia, cui dovremo impedire di entrare in ritmo, mentre Marshall è assai atletica e sa ferire andando al ferro, a rimbalzo, e recuperando palloni. Melnika è rientrata a regime dopo l’infortunio e sta già facendo sentire la sua stazza vicino a canestro: è una giocatrice tecnica e si è già ben inserita nell’ottimo sistema di San Martino. Le venete adottano un gioco tanto efficace quanto ordinato e tendono a difendere a tutto campo, anche in pressing. Noi dovremo essere pronti a controbattere la loro fisicità”.

 

Fabiano Scarani – Ufficio stampa ALLIANZ GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi