L’Allianz perde contro Sassari, ma in realtà vale come una storica vittoria

SESTO SAN GIOVANNI, 25 ottobre 2020

Non era una finale di coppa o per lo scudetto, ma egualmente la partita interna contro la Dinamo Sassari entrerà nella lunga storia gloriosa dell’Allianz Geas. Le rossonere sono state costrette a giocare in sei, compresa la junior Merisio, a causa dei sei casi di positività al Covid in squadra, riscontrati nelle ore precedenti il match: e naturalmente le avversarie erano a ranghi completi.

Subito il commento di Cinzia Zanotti: “L’unica cosa che ho da dire è che le ragazze sono state super. Per tutti coloro della squadra e dello staff risultati negativi faremo un ulteriore test domani e vedremo. Abbiamo dimostrato fino in fondo di poter non solo dare fastidio alle avversarie, in cinque e senza lunghe, ma di riuscire anche a stare avanti per due quarti, passando in testa anche a 7 minuti dalla fine. Nel finale poi Sassari ha segnato qualche contropiede e in quelle condizioni non abbiamo potuto fare quasi nulla, finendo in 4 contro 5. Dispiace che tutto questo abbia portato all’infortunio, speriamo non grave, di Sara, che nei minuti precedenti all’incidente era stata messa appositamente in panchina, prima del ritorno in campo forzato a causa dei 5 falli di Verona. I protocolli hanno deciso che giocassimo: speriamo solo che questo non abbia portato all’infortunio di una giocatrice”.

Una serata molto particolare per la società di Sesto e per i suoi tifosi, una serata in cui le ragazze di coach Zanotti hanno provato ad andare contro tutto e tutti – tra l’altro con ottimi risultati per buona parte dello scontro – profondendo dosi di impegno incredibili, commoventi. A loro non può che andare l’applauso e l’affetto di tutto il mondo Geas, che si stringe soprattutto attorno a Sara Crudo, una delle migliori atlete Allianz di questo avvio di campionato, che, ottima anche contro Sassari, con una grande determinazione, subisce un infortunio al ginocchio nell’ultimo quarto e si trova costretta alla panchina lasciando, tra la commozione generale, solo quattro compagne sul parquet per tre minuti e mezzo: questo può succedere in serie A1 femminile al tempo del Covid. Una gara fuori dal comune, iniziata con la volontà di provarci comunque e terminata con un tangibile dispiacere per quanto accaduto.

Il prossimo sabato, senza contare conferme e sviluppi eventuali sulla particolare situazione delle atlete, il Geas dovrà affrontare la trasferta di Vigarano (ore 18.30).

Passando ai fatti del campo, il Geas parte forte, con tutte le sole giocatrici presenti (Arturi, Verona, Oroszova, Gwathmey, Crudo, con in panchina la sola junior Merisio, in gioco soprattutto nel finale) intenzionate a lasciare subito il segno sulla gara. Con una serie collettiva di fendenti inferti alla difesa sarda le ragazze di coach Zanotti macinano un 13-2 che le porta a +10, prima che alla fine della prima frazione e per tutta la seconda il vantaggio si riduca leggermente. Al rientro, la difesa sestese è quasi inerme, costretta a subire per la particolare situazione (impossibilità ovvia di far falli); le ragazze cominciano a pagare anche la stanchezza per gli altissimi minutaggi. Non parliamo poi dell’impossibilità di variare i temi tattici della partita. Parte allora la controffensiva di Sassari, che passa in vantaggio e ci rimane per quasi tutta la quarta frazione, nonostante qualche riuscito sorpasso da parte delle lombarde, incredibili leonesse che non hanno voluto nemmeno per un secondo accettare il destino avverso. Da premiare la concentrazione, la dedizione e la capacità di mantenere un buon livello di pallacanestro delle ragazze dell’Allianz, che si trovano costrette a ulteriori straordinari quando, nell’ultimo periodo, Crudo esce per un brutto colpo accusato al ginocchio. Giocare in quattro contro cinque: quando si era mai visto?

Inutile dettagliare la cronaca in un evento come questo: valgono soprattutto le parole della coach Zanotti. 

A questo link il tabellino completo della partita.

Ecco i risultati degli altri incontri della quinta giornata di campionato (la gara tra Ragusa e Vigarano è stata rimandata per alcuni casi positivi al Covid): Costa Masnaga – Empoli 77-69; Lucca – Venezia 52-74; Broni – Schio 44-67; Bologna – San Martino di Lupari 75-73.

Fabiano Scarani – Ufficio stampa ALLIANZ GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi