Allianz Geas, niente da fare in trasferta a San Martino di Lupari

Nella prima metà di gara le padovane prendono il largo, ma le lombarde sono brave a rientrare con energia nel terzo quarto. Nel finale le Lupe riescono a tenere a distanza le ospiti.

 

SAN MARTINO DI LUPARI, 26 gennaio 2020

L’Allianz Geas cade nell’insidiosa trasferta di San Martino di Lupari (69-62) e rimane a 18 punti in sesta posizione; le venete consolidano invece il quarto posto salendo a 22 punti. Dopo un primo quarto in equilibrio, le padrone di casa affondano due taglienti parziali che le fanno salire fino al massimo vantaggio di +18; Sesto dal canto suo, pur continuando a lavorare sulle prime e sulle seconde occasioni ottenute grazie ai tanti rimbalzi d’attacco, fatica notevolmente a concretizzare i propri tiri. Nella ripresa, sfruttando le ripartenze dalla difesa e alcune buone iniziative individuali, le rossonere riescono a riavvicinarsi pericolosamente fino al -3. Nell’ultima frazione le ragazze di coach Zanotti continuano a lottare, ma le Lupe sono brave a tenere le ospiti a distanza.

 

Nel primo quarto, equilibrato, la prima a iscriversi alla gara è il nuovo innesto delle padrone di casa Gwathmey, che va a segno con 4 punti consecutivi; a risponderle è Verona con un 2/2 dalla lunetta, ma la play siciliana è imitata poco dopo da Sulciute (-4 Geas). L’Allianz commette diversi errori dalla distanza, mentre anche le venete non trovano con facilità la via del canestro. Nella seconda metà della prima frazione si accende Bjorklund, che segna 4 punti in 1’30’’, dall’altra parte Sesto accorcia la distanza a un solo punto, prima con Oroszova, poi con Brunner e Williams, ma San Martino è brava a non cedere. Con 1’20’’ da giocare Tonello e Gwathmey collaborano per un 5-0 in 45’’ che porta le ragazze di coach Abignente a +6, ma sul finale del quarto Crudo, ben servita da Williams, infila la bomba del -3. L’inizio del secondo periodo è caratterizzato da diverse palle perse e diversi recuperi da entrambe le parti; con 8’20’’ sul cronometro Ciavarella segna da 3, ma le risponde Oroszova con un morbido jumper dalla media. Presto però l’Allianz inizia a sbagliare molti tiri (alcuni dei quali ben costruiti) mentre dall’altra parte le padovane tirano con alte percentuali: con diverse giocatrici a segno (Gwathmey, Ciavarella, Fietta, Sulciute, Ostarello), le padrone di casa riescono a scavare un profondo parziale di 13-2 in 3’15’’. Oroszova dall’arco interrompe la striscia continua di San Martino, ma non basta: le venete con Ostarello (4 punti) e una tripla di Sulciute macinano un altro break di 7-0 in 45’’ che le porta sul massimo vantaggio di 18 punti (39-21). Negli ultimi minuti del primo tempo Panzera segna una bomba e Oroszova fa 2/2 a gioco fermo, ma il canestro di Toffolo permette alle ragazze di coach Abignente di chiudere i primi due quarti sopra di 15. Nei primi 20’ le padrone di casa tirano con altissime percentuali, soprattutto da dentro l’arco, mentre l’Allianz fatica molto a segnare, nonostante alcune buone occasioni e molti possessi extra dovuti ai numerosi rimbalzi offensivi. Nel secondo quarto Ilaria Panzera è costretta a lasciare il campo in seguito ad una distorsione alla caviglia.

 

Nella ripresa le rossonere tornano in campo con la giusta determinazione: le tante palle perse dalle Lupe e la buona gestione dei possessi delle ospiti permette a queste ultime di produrre un 6-1 in 2’20’’ (-10). Il cattivo controllo di San Martino continua per alcuni minuti, con Sesto che dall’altra parte riesce a mettere canestri importanti grazie anche ai diversi rimbalzi strappati in attacco. Brunner e Williams segnano 4 punti consecutivi, prima che la stessa Brunner faccia 1/2 ai liberi e la capitana Arturi segni in contropiede: con il secondo break di 7-0 in 1’40’’ l’Allianz torna pericolosamente a -3. Tuttavia poco dopo per le padrone di casa Bjorklund è brava a convertire un gioco da 4 punti, cui rispondono ancora Brunner a gioco fermo e Crudo in contropiede tornando a -3. Nel finale del periodo Bjorklund e Sulciute mettono assieme un 5-0 in 1’45’’ (51-43). Dopo essere rientrata in gara nella terza frazione, Sesto continua a credere nel recupero anche negli ultimi 10’ in cui le rossonere sono brave a rispondere con continuità ai colpi delle padovane: alla tripla di Gwathmey segue infatti quella di Williams, al gioco da tre punti di Fietta seguono due canestri consecutivi in 10’’ ancora della guardia di Pittsburgh che riportano le geassine a -7. I punti di Sandri e di Gwathmey valgono il +13 delle padrone di casa, ma ci pensano Brunner da 3 e Oroszova a ricucire fino a -8. Nell’ultimo minuto di gioco Bjorklund non sbaglia dalla lunetta e lo stesso fa Crudo dall’altra parte, ma l’ala statunitense a gioco fermo segna poco dopo anche i punti numero 16 e 17 della propria serata. A 25’’ dalla sirena Arturi mette la tripla del -7, ma i due liberi messi da Gwathmey pochi secondi dopo chiudono la partita, prima che anche Williams faccia 2/2 dalla lunetta.

 

Il Geas paga la serata negativa al tiro (complessivamente 32% dal campo contro il 46% avversario), in particolare i numerosi errori nella seconda frazione, bilanciati solo in parte dalle più alte percentuali degli ultimi 20’: le rossonere tirano col 45% da due, col 18% da tre e col 73% ai liberi, mentre le venete trovano il canestro con il 46% da due, con l’ottimo 45% dall’arco (9/20) e con l’80% a gioco fermo. Le lombarde inoltre sfruttano solo parzialmente anche le tante seconde occasioni offensive: sui 42 rimbalzi totali le ragazze di coach Zanotti ne raccolgono 17 d’attacco, contro i 4 sui 32 complessivi delle Lupe. Le ragazze di coach Abignente vanno un maggior numero di volte a segno su assistenza diretta, 20, contro i soli 7 assist di squadra delle geassine. L’Allianz punta molto sulle ripartenze da palla recuperata e sui contropiedi primari: le palle recuperate sono 15, contro le 7 delle avversarie. La nuova talentuosa esterna di San Martino Gwathmey esordisce con un’ottima prestazione da 20 punti (con 3/4 dall’arco), 5 rimbalzi e 3 palle recuperate. L’ala Bjorklund chiude con solidità e sprazzi di talento una serata da 17 punti, 4 rimbalzi e 2 assist. Per le rossonere la top scorer è Brooque Williams con 15 punti, 3 assist e 3 recuperate, che però commette molti errori dalla distanza (1/7) e segna con discontinuità (2 punti nei primi 20’, 4 nel terzo quarto e 9 nell’ultimo). Chiudono entrambe a 12 punti (aggiungendo rispettivamente 11 rimbalzi, 4 recuperate e 9 rimbalzi con 3 steals) le combattive Oroszova e Brunner, che tuttavia sbagliano qualcosa di troppo dall’arco.

 

A questo link il tabellino completo della partita.

 

Ecco i risultati degli altri incontri della terza giornata del girone di ritorno: Ragusa – Schio 74-67; Lucca – Costa Masnaga 73-68; Empoli – Venezia 56-64; Broni – Battipaglia 74-47; Vigarano – Bologna 88-76.

 

Il prossimo impegno di Sesto sarà la partita in casa contro la prima in classifica Passalacqua Ragusa, vincitrice dello scontro per la vetta con Schio. La gara andrà in scena al PalaNat sabato 1 febbraio alle ore 16.

 

COACH ZANOTTI – “Il primo tempo è stato determinante; nella ripresa siamo riuscite a rimontare, ma alla fine siamo andate un po’ in affanno. Contro una squadra così concreta è davvero difficile riuscire a recuperare 15 punti e poi mettere la testa avanti. Sulla sconfitta hanno molto inciso le basse percentuali al tiro, pur avendo avuto un numero di chance maggiore di quello delle nostre avversarie. Dobbiamo imparare a continuare a tirare con determinazione nonostante gli errori: oggi invece le ragazze hanno un po’ perso la fiducia. Ora cercheremo di lavorare al meglio per ben giocare in casa nella prossima difficile sfida con Ragusa”.

 

Fabiano Scarani – Ufficio stampa ALLIANZ GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi