Al PalaNat la spunta Schio ma l’Allianz Geas è stata grande

Le rossonere vanno sul +13 e restano avanti fino a 3’ dalla fine. Zanotti: “Ho apprezzato l’atteggiamento e la difesa: ora conserviamo questa energia per la prossima gara”.

SESTO SAN GIOVANNI, 15 dicembre 2019

A un passo dall’impresa, dopo una partita all’arma bianca: l’Allianz Geas cede solo negli ultimi 3’ alle campioni d’Italia, che devono dare tutto, come mostrano i minutaggi in campo dei tre totem stranieri: De Shields 35’51’’, Gruda 34’26’’, Harmon 35’41’’. In un PalaNat gremito e festante per celebrare la partita numero 450 della bandiera e capitana rossonera Giulia Arturi, le rossonere mettono in campo una straordinaria prestazione.

Le padrone di casa partono forte con due triple di Oroszova e Verona: il parziale di 6-2 in 40’’ vale il +4, prima che le scledensi impattino il risultato con Keys e Gruda. Con un jumper di Brooque Williams il Geas rimette la testa avanti, ma nel giro di 1’40’’ le ragazze di coach Vincent producono un break di 9-3 e salgono a 4 lunghezze di vantaggio. Grazie ad una grande spinta l’Allianz riesce a chiudere il primo periodo con un contro-parziale di 6-0 in 1’15’’ con cui risale a +2. All’inizio del secondo quarto le ragazze di coach Zanotti adottano una difesa a zona e vanno a segno con Williams e Crudo; dall’altra parte risponde Francesca Dotto con una tripla che accorcia il divario a 1 punto. Da questo momento parte la grande progressione delle sestesi, condotte magistralmente e con classe dalla “festeggiata” Giulia Arturi: con le due bombe della capitana, l’appoggio di Ercoli dopo il rimbalzo offensivo e il gioco da tre punti concretizzato da Williams, l’Allianz macina un 11-1 (in 1’50’’) che vale il +11. Poche azioni dopo Arturi si ripete con un’altra tripla (3/4 dall’arco nel giro di 3’30’’) per il +12. Schio ritrova il canestro prima con Gruda e poi con Harmon, ma l’1/2 di Panzera e il bell’appoggio di Brunner modificano il risultato fino al 40-27 (massimo vantaggio, +13). Un secondo quarto formidabile quello di Sesto.

Nella ripresa le lombarde continuano a mostrare un’ottima pallacanestro, interpretata di volta in volta da diverse giocatrici (arrivano ottime e ripetute realizzazioni dall’arco e dalla media di Verona e Oroszova). Con Dotto e De Shields le ospiti accorciano fino al -7, ma la tripla di Crudo le rispedisce a -10. Nel minuto finale Gruda e Battisodo collaborano per altri 3 punti fino al 54-47. Il parziale di 8-3 iniziato dalle scudettate nella terza frazione si allunga nella quarta fino a 12-3 in 3’10’’ complessivi: le ragazze di coach Vincent tornano pericolosamente, grazie alla fluidità di gioco e al talento individuale, a -3. Il gran lavoro sotto le plance e tra le strette torri difensive di Schio di Brunner produce il canestro del +5, ma ormai le ospiti sono tornate a crederci fino in fondo: il Geas prova a tenere, ma la maestosa capacità di realizzare difficili tiri contestati di Gruda, Harmon e De Shields fa ritrovare alle scledensi il tanto ricercato vantaggio con 3’20’’ sul cronometro. Il parziale complessivo di Schio è di 11-2 in 2’ (+5 delle ospiti). Brooque Williams si carica le compagne in spalla e prova a rientrare in gara con due fini giocate in penetrazione concluse da canestri: con l’americana Sesto torna fino a -2 con 55’’ da giocare, ma la freddezza di Cinili ai liberi aumenta la distanza a 4 lunghezze (5 con il libero finale di Harmon per il definitivo 64-69) e il Geas nelle ultime azioni non riesce a concretizzare le proprie iniziative d’attacco.

L’Allianz tira discretamente da due (37%) e molto bene dalla distanza (38%) e ai liberi (80%), mentre le venete vanno a canestro con un’ottima percentuale da due (47%), tirando bene a gioco fermo (75%) ma sbagliando qualcosa di troppo dall’arco (24%). Il Geas ha il merito di riuscire a equilibrare anche la gara a rimbalzo (38 per Sesto contro i 40 avversari), nonostante la grande fisicità delle interne Gruda e Keys. Gara equilibrata anche dal punto di vista dei canestri realizzati da assistenza diretta: 14 per l’Allianz e 15 per la Famila. È solidissima la prestazione di Sandrine Gruda, a segno di continuo anche con tiri e situazioni di estrema difficoltà: la pivot chiude a 19 punti, 9 rimbalzi, 3 assist e 31 di valutazione. Tra le ragazze di coach Vincent finiscono in doppia cifra anche la statunitense De Shields, svegliatasi letalmente tra terzo e quarto quarto nonostante i tanti errori nel primo tempo (17 punti, 4 rimbalzi, 4 assist e 4 recuperate), e la talentuosissima e versatile Harmon (13 punti, 8 rimbalzi, 2 assist). Per il Geas la top scorer è Brooque Williams, che si accende a tratti per mostrare conclusioni di altissimo livello e mette assieme 17 punti, 3 rimbalzi e 5 assist. Sfiora la doppia doppia Sophie Brunner, che non forza nulla in attacco, fa un grande lavoro difensivo sulle lunghe avversarie e chiude a 9 punti (100% dal campo con 3/3 da due e 1/1 dall’arco), 10 rimbalzi e 22 di valutazione. Molto positivo anche l’apporto del reparto regia di Sesto: Giulia Arturi e Costanza Verona riescono a controllare sapientemente i ritmi di gioco mettendo anche punti (soprattutto dalla distanza) dal notevole peso specifico: la veterana chiude con 9 punti (tutti da triple) e 2 rimbalzi, la classe ’99 con 11 punti (anche per lei tre bombe), 3 rimbalzi e 2 assist.

Una curiosità: in questa partita si sono trovate tre compagne della nazionale cadette del 2003 in Turchia, cioè Battisodo da una parte, Arturi e Zampieri dall’altra. Quanta strada percorsa da allora!

A questo link il tabellino completo della partita.

Ecco i risultati degli altri incontri della decima giornata di campionato: San Martino di Lupari – Ragusa 64-79; Costa Masnaga – Empoli 71-67; Bologna – Palermo 57-46; Battipaglia – Torino 75-77; Lucca – Venezia 72-88; Vigarano – Broni 83-75.

Il prossimo impegno dell’Allianz Geas sarà la trasferta di Battipaglia di sabato (ore 18).

COACH ZANOTTI – “Abbiamo giocato una buona partita facendo un grande lavoro. Contro Schio non è mai facile riuscire a tenere: nel secondo tempo loro hanno messo tutti i tiri importanti e noi siamo andate un po’ in affanno. Ho apprezzato l’atteggiamento delle ragazze e la loro applicazione difensiva: ora dobbiamo provare ad applicare questa energia nella prossima trasferta di Battipaglia”.

Fabiano Scarani – Ufficio stampa ALLIANZ GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi