Allianz Geas, domenica (ore 18) a Battipaglia vietato deconcentrarsi

Le avversarie sono ultime in classifica ma sempre tenaci. Tre “ex” in campo. Zanotti: “Non dobbiamo rilassarci: veniamo da un buon periodo, ma non bisogna perdere di vista il nostro obbiettivo”.

 

SESTO SAN GIOVANNI, 7 dicembre 2018

Per la nona giornata di campionato, l’Allianz Geas scenderà in campo a Battipaglia, domenica alle 18. Le lombarde sono attualmente settime in classifica con 8 punti, mentre le campane sono ultime con una sola vittoria, ottenuta contro Torino nella seconda giornata. Sesto proviene da due successi, in trasferta a Torino e in casa contro la forte Napoli. Nell’ultimo scontro, il primo del tour de force sestese di chiusura del girone di andata e inizio del ritorno, le rossonere hanno invertito il pronostico con una prova di grande sostanza e determinazione. Battipaglia è invece reduce da un k.o. subìto sul campo di Broni (72-55). La top scorer tra le ragazze di coach Alberto Matassini è una vecchia conoscenza dell’Allianz Geas: Antiesha Brown era infatti a Sesto nella stagione di A1 2015-16 (15,2 punti, 4,5 rimbalzi e 1,2 assist); la guardia statunitense ha statistiche ancora migliori in questa stagione: 19,6 punti (45% da due, 36% da tre, 82% ai liberi), 3,4 rimbalzi e 1,6 assist. Le altre due giocatrici straniere delle campane sono l’ala del Regno Unito di 191 cm nata nel 1987 Chantelle Handy, 12,2 punti (40% da due, 33% da tre, 91% dalla lunetta), 6,1 rimbalzi, 1,9 assist, e la lunga statunitense di 190 cm classe ’95 Kristen Renee Simon, 12 punti (40% da due, 64% ai liberi), 10,3 rimbalzi e 1,3 assist. Giovane e interessante il resto del roster italiano.

Per due rossonere lo scontro di domenica sarà una “partita delle ex”: Brooque Williams ha giocato a Battipaglia per due stagioni, nel 2014-15 (19,6 punti, 8,2 rimbalzi, 2 assist) e nel 2016-17, quando ha vinto il titolo di miglior marcatrice del campionato con 19,2 punti (oltre a 6,8 rimbalzi e 1,1 assist). Costanza Verona a Battipaglia ha invece vissuto gli ultimi anni delle giovanili e l’esordio in A1, nella stagione 2016-17.

 

COACH ZANOTTI – “Dobbiamo mettere attenzione sulla partita e non essere troppo rilassate. Veniamo da un buon periodo, ma non dobbiamo mancare di concentrazione e perdere di vista il nostro obbiettivo. Battipaglia ora ha 2 punti in classifica, che non la rappresentano bene poiché in diversi scontri hanno ben retto fino al terzo quarto. È un gruppo che ha dato del filo da torcere a tante avversarie, compresa Schio, nella gara dell’Open Day giocata a Torino (69-63 per le venete, ndr). Battipaglia punta molto sulle straniere: Brown, che conosciamo bene, è una grande realizzatrice; Handy è un’inglese atipica, come mai ne abbiamo incontrate, di 190 cm e che gioca da esterna, con un buon ball-handling e uno contro uno; Simon è un centro molto forte fisicamente. C’è poi un buon gruppo di italiane, alcune con esperienza, altre meno: il progetto della società è simile al nostro, ovvero far crescere al meglio le giovani. Dovremo tenere molto alta la concentrazione”.

 

BEATRICE BARBERIS – “Quello di domenica è uno scontro per noi fondamentale poiché dobbiamo a tutti i costi portare a casa i 2 punti. Non dobbiamo prendere la partita sottogamba ed entrare deconcentrate: non sarà una gara facile. La trasferta è lunga e Battipaglia ha sempre lottato con tutte le avversarie senza mai mollare. Dovremo essere molto determinate e intense, sia in attacco sia in difesa”.

 

“Sarà una partita molto complicata – dichiara Nazareno Lombardi, assistente di coach Zanotti sulla panchina sestese –: Battipaglia ha addosso molta pressione per ottenere i 2 punti in palio. Finora hanno vinto una sola gara, ma non hanno praticamente mai sbragato in campionato, tranne forse contro la Reyer. Brown è una realizzatrice molto abile; Handy è una 4 di 190 cm assai atletica, con un buon tiro da fuori e che tocca il maggior numero di palloni nella squadra; Simon è una 5 fisica ma dinamica, molto presente a rimbalzo, che sa tirare dalla media e giocare spalle a canestro. A queste si aggiunge un gruppo di italiane di qualità: Trimboli e Del Pero possono andare in striscia anche dalla lunghissima distanza; Mataloni ha un grande agonismo”.

 

Fabiano Scarani – Ufficio stampa ALLIANZ GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi