“CONTAGIO AZZURRO” TOCCA ANCHE IL GEAS: DETTAGLI, EFFICACIA E VOGLIA, QUESTE LE IDEE DI CRESPI

Il coach della nazionale A e il coordinatore dell’attività giovanile azzurra Lucchesi hanno lavorato con le rossonere per proporre interessanti suggerimenti tecnici.

SESTO SAN GIOVANNI, 31 gennaio 2018

“Contagio azzurro” è passato anche a Sesto. Al PalaNat il coach della nazionale A Marco Crespi e il responsabile del settore giovanile azzurro Giovanni Lucchesi anno tenuto due allenamenti: uno per l’Under 16 e uno per la prima squadra. L’iniziativa è partita proprio da Crespi, che con “Contagio azzurro” intende migliorare la comunicazione tra Federazione e club della Lega Basket Femminile. Oltre che monitorare il livello e la crescita di tutte le squadre di A1 e di alcune elette di A2.

Lucchesi, affiancato dai coach del settore giovanile rossonero, ha impostato un lavoro di fondamentali assieme alle ragazze dell’Under 16. E sempre di fondamentali, e di letture, si è occupato Crespi, alle prese con le “grandi”. L’allenamento si è sviluppato su due turni: prima con le lunghe (Ercoli – appena convocata proprio da Crespi al raduno della nazionale –, Zagni, Schieppati e Decortes) e poi con le esterne (Arturi, Barberis, Galbiati, Gambarini, Panzera, Pusca). Con le geassine si sono allenate anche delle giocatrici di Varese, Biassono e Vittuone (serie B). Parola chiave dell’allenamento: dettagli. Proprio su questi ha insistito Crespi: assieme all’intensità di esecuzione dei movimenti, alla rapidità delle letture di situazioni e al piacere di giocare, è la cura dei dettagli a fare la differenza ad alti livelli. A bordo campo, presente anche Cinzia Zanotti – che assiste Crespi sulla panchina azzurra – col suo staff tecnico, pronta a prendere nota di qualche aspetto trattato per provare a svilupparlo nei futuri allenamenti.

Prima dell’allenamento, Crespi ha voluto parlare di persona con Arturi, Barberis e Gambarini, tutte già con esperienze azzurre alle spalle. Barberis e Gambarini nelle giovanili (bronzo Under 20 nel 2014, assieme ad Ercoli), Arturi anche nella senior.

Qui il resoconto dell’intervista.

Qui si può rivedere parte dell’allenamento.

 

Ecco l’intervista fatta a Crespi al termine dell’evento:

Che considerazioni può trarre dai suoi primi sei mesi come ct azzurro?

“Quando sono entrato nel mondo della Federazione ho trovato un ambiente molto variegato, competitivo sul piano internazionale e composto da tante realtà motivate a fare bene, ma per alcuni aspetti prive dei mezzi adeguati per poterci riuscire fino in fondo. In questi primi mesi ho tastato il terreno, cercando di trovare il punto più adeguato per inserirmi e per provare a migliorare il sistema. L’idea di “Contagio azzurro” nasce proprio da questa volontà; il mio intento è quello di puntare sulla collaborazione tra Federazione e Lega, per promuovere una spinta di crescita a tutte le maggiori realtà italiane.”

Proprio per quanto riguarda “Contagio azzurro”: il progetto ha risposto alle sue attese?

“Posso ritenermi soddisfatto di quanto fatto finora con “Contagio”. Mi è stata data la possibilità di osservare l’Italia della pallacanestro in profondità: la mia idea è quella di lasciare ad ognuna di queste realtà coinvolte qualcosa che possano seriamente sfruttare in futuro. Provo a lasciare poche indicazioni, ma sulle quali sia possibile insistere in futuro affinché diventino realtà condivise di tutti i giorni. E c’è da dire che dall’altra parte ho trovato squadre più che disponibili, con persone stupende, pronte a porgere un orecchio a quanto avessi da dire.”

Il modello Geas, che punta forte sul vivaio, ha interesse per il suo lavoro?

“Io credo che ogni squadra debba avere un’individualità. E che questa individualità debba essere coltivata fino in fondo, per provare a creare qualcosa di profondo, ma non estraneo alle coordinate dell’efficacia. Il vivaio Geas ha contraddistinto il basket nostrano femminile per decenni, plasmando talenti già dai livelli giovanili: è un elemento da valorizzare e stimare.”

Le imminenti due partite sono cruciali per la nostra qualificazione ad EuroBasket Women 2019, in particolare quella con la Svezia: quante chance abbiamo?

“Non parlerei tanto di chance: non ci rivolgeremo alle due gare con l’idea che si possa vincere, perdere o pareggiare. Scenderemo in campo, soprattutto in Svezia, con la voglia di portare a casa il risultato e di fare bene. L’impegno è tutto, e l’impegno deriva dalle disposizioni personali. L’elemento su cui insisto di più è sempre lo stesso: vorrei vedere valorizzata la componente del desiderio di fare bene, del desiderio di dimostrare tutto sul parquet. Bisogna giocare col piacere di farlo, col piacere di fare canestro e di sacrificarsi per il gruppo: il resto è una pura conseguenza.”

 

Qui l’intervista a Lucchesi, responsabile del settore giovanile azzurro:

Il Geas è stato nell’ultimo decennio il miglior fornitore delle squadre azzurre, dall’Under 14 alla nazionale A, proponendo alla ribalta molti talenti e vincendo al contempo diversi titoli giovanili: secondo lei, che coordina l’attività junior, c’è contrasto tra la cura e il lancio delle individualità e i risultati di squadra nel settore giovanile?

“Il Geas è sicuramente una delle squadre più competitive da questo punto di vista. Per capire l’importanza di Sesto San Giovanni sulla mappa nazionale basta fare il conteggio degli scudetti vinti di anno in anno dalle squadre giovanili: a trionfare sono sempre le solite realtà, i cui vivai forniscono ossigeno alle selezioni nazionali. È un luogo comune quello della contrapposizione tra sviluppo dei talenti e coesione e rafforzamento di gruppi di livello: penso si debba affrontare la questione da tutt’altro punto di vista. I due piani chiamati in gioco devono compenetrarsi: non è affatto impossibile sviluppare entrambe le componenti contemporaneamente. Ne sono la prova diversi casi di giocatrici talentuose divenute leader delle proprie squadre, che però hanno sempre condotto i propri gruppi con coscienziosità. Il vero problema sorge se gli allenatori dei club concepiscono l’individualità ed il gruppo come contrapposti: questi allora si trovano costretti a scegliere una delle due alternative. La necessità della coesistenza di individui in evidenza e di forza di squadra dovrebbe essere compresa e interiorizzata sin dalle prime categorie delle squadre giovanili.”

Quali formazioni e annate sono le più attrezzate nel movimento Under azzurro per inseguire una medaglia nella prossima campagna estiva?

Le annate che negli ultimi anni ci hanno dato maggiori soddisfazioni sono molte. Potrei citare le ragazze nate nel ’99, annata d’altissimo livello, oppure le 2002, tra le quali spicca ad esempio la geassina Ilaria Panzera, o le 2003 e le 2004. Tutte queste hanno le carte in regola per poter far bene su un piano di competitività internazionale. Va dato merito anche alle selezioni straniere, molti sono i Paesi europei che presentano formazioni super-competitive. A parte le solite Spagna o Francia, sono da sottolineare alcune realtà emergenti, molto produttive soprattutto negli ultimi anni, come ad esempio il Belgio.”

 

Ecco i pareri sulla giornata e sul progetto di Barberis, Gambarini e Zagni:

BARBERIS – “È stata un’esperienza molto formativa: Crespi ci ha dato delle idee interessanti su cui dovremo provare ad insistere in futuro: starà a noi far fruttare quanto appreso lungo gli allenamenti futuri. “Contagio azzurro” punta soprattutto a creare una coerenza generale nel modo di lavorare di tutti i maggiori club d’Italia. Dovremo provare a far tesoro delle impronte lasciate da Crespi: sono linee guida che potrebbero rivelarsi fondamentali in un secondo momento, soprattutto qualora qualcuna di noi possa avere l’onore di vestire la maglia azzurra”.

GAMBARINI – “La giornata di allenamento ha avuto dei riscontri positivi su tutte noi. L’aspetto migliore penso sia stata l’insistenza di Crespi su poche nozioni, ma immediate ed applicabili all’istante. Mi ha dato idea di essere un tecnico innovativo, che non si attiene a rigide idee omologatrici. È stato lui a far partire l’iniziativa, con la quale si è totalmente identificato: il progetto è ben chiaro e lui sembra determinato nel portarlo avanti”.

ZAGNI – “Ci sono state lasciate nuove idee: su alcune di esse non avevamo mai prestato attenzione. Il progetto sarebbe fine a se stesso se mirasse esclusivamente al lavoro di una singola giornata: le sue idee vengono seminate per essere poi riproposte e coltivate dagli allenatori dei club. Ci ha dato consigli sul modo più semplice per ottenere un vantaggio sulle avversarie e sul modo di leggere alcune situazioni in campo, ma non l’ha fatto in modo cattedratico e mirato ad una pura didattica dei concetti: tutto è stato trattato in un’ottica di efficacia e pragmatismo”.

COACH ZANOTTI – “Il lavoro svolto è stato molto breve: è sicuramente improntato a far avvicinare i club alla federazione. L’idea trasmessa è di dover lavorare sul territorio nazionale tutti con un solo obiettivo: migliorare il sistema nazionale. Crespi ha dato molta importanza a questo progetto e si è esposto in prima linea: la sua volontà è di essere presente in modo capillare all’interno dell’insieme delle società della Lega. Marco e Giovanni hanno sottolineato l’importanza dei particolari: non è stato utile soltanto osservare gli esercizi proposti, ma soprattutto le correzioni attuate, in particolare sui fondamentali”.

Fabiano Scarani – Ufficio stampa GEAS

Leave a Reply

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Cliccando su Accetto acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi